Lago Ontario, Canada riflesso

di
Le sponde ghiacciate del lago Ontario

Le sponde ghiacciate del lago Ontario

Scintilla bianco, il lago Ontario: le sue onde sono ferme nel ghiaccio, increspature prigioniere dell’inverno. Solo a primavera torneranno blu e a dividere il Canada dagli Stati Uniti.

Di origine glaciale, questo bacino appartiene ai cinque Grandi Laghi del Nordamerica pur essendone il più piccolo con una superficie di 19,529 chilometri quadrati. Ciononostante, con i suoi 639 chilometri cubici, supera l’Eire in volume.

Il lago Ontario è il quattordicesimo più grande del mondo con una linea costiera di 1146 chilometri. Si adagia a 75 metri sul livello del mare, allungandosi per 311 chilometri con una larghezza di 86 e una profondità massima di 244 metri. Origina il fiume San Lorenzo.

Il suo nome deriva da ontarí: io, una parola della lingua Urone ormai estinta: nell’antico idioma della tribù dei nativi americani che significa “grande lago”. Prima di venir chiamato così, e di dar nome anche alla provincia canadese dell’Ontario, aveva appellativi diversi.

Su una vecchia cartina delle Relation des Jésuites (1662-1663), era chiamato “Lac Ontario ou des Iroquois”, il lago Ontario o degli Irochesi, e in altre mappe si trovava sotto la dicitura “Ondiara”.

Su quella francese del 1712, che oggi è conservata al museo canadese di Civilizzazione creato dall’ingegnere del Genio militare Jean-Baptiste de Couagne, viene definito “Lac Frontenac”, mentre gli Irochesi lo riconoscevano come “Skanadario”.

All’estremità occidentale del lago Ontario, nella parte canadese, si è creata nei secoli una grande conurbazione (area urbana comprendente alcune città) nota come “Golden Horseshoe”, il ferro di cavallo dorato, include Toronto e Hamilton.

Per chi conosce la zona, non è una sorpresa: infatti la maggior parte della popolazione canadese vive sulle sponde del bacino. Sulla riva meridionale, nota come Niagara Peninsula, frutta e vino vengono prodotti in grande quantità.

Dall’altra parte del lago Ontario, il territorio degli Stati Uniti è prevalentemente rurale a eccezione di Rochester e Oswego. Questa area è diventata la più grande per la produzione di frutta: vengono coltivati il melo, il ciliegio, il pero, il pruno, il pesco.

Frutti tipici della bella stagione quando il bacino torna navigabile e battelli di ogni stazza lo attraversano con a bordo merci e passeggeri: altri, in canoa, lo pagaiano sereni e si godono le sue increspature libere dall’inverno.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Lago Ontario, Canada riflesso"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...